Please turn on Javascript first.

News

Il canale social nel retail. Ancora molto da fare…

Un’analisi su oltre 50 miliardi di visite a siti di retailer mostra che il canale social nel retail è ancora debole.

Nonostante abbia raddoppiato il volume di visite dal gennaio 2015, il canale social è ancora in ritardo rispetto agli altri canali del digital marketing.

Questo è ciò che emerge da un interessante report di Adobe.

I dati

Il report, basato su dati aggregati provenienti da oltre 50 miliardi di visite su oltre 250 siti web di retailer fra il gennaio 2015 ed il giugno 2017 negli Stati Uniti fa luce sulle tendenze nel settore dell’elettronica e in quello dell’abbigliamento.

La crescita del canale social nel retail

Ovviamente i retailer online non dovrebbero ignorare i social media. Questo è il canale che sta crescendo più velocemente. La percentuale di crescita del 100% nell’ultimo anno è un segnale tangibile di questa crescita. Ma altre metriche sono ancora più importanti per i retailer.

Taylor Schreiner, direttore di Adobe Digital Insights, afferma che “anche se le pagine social media dei retailer hanno ancora poche visite, queste rappresentano il canale con tasso di crescita maggiore”. Schreiner aggiunge che “la percentuale di visite ai canali social dei retailer è raddoppiata dall’inizio del 2015, e la sua crescita non mostra alcun segnale di interruzione. I retailer più saggi capitalizzeranno l’opportunità rappresentata dai social media”.

I dati mostrano che la ricerca organica rimane il canale numero uno, ma è in declino, e la ricerca a pagamento si attesta alla seconda posizione.

Il sorpasso delle visite da mobile

Ci sono molti altri spunti interessanti nello studio, tra cui i risultati relativi al mobile come driver per le vendite. Mentre il computer desktop rimane la prima fonte di introiti per i retailer online, le visite provenienti da mobile continuano stabilmente a crescere, e i dati suggeriscono che le visite provenienti da dispositivi mobili supereranno quelle provenienti da pc entro la fine dell’anno.

“Oggi le persone osservano i siti dei retailer dal loro telefono, ma acquistano ancora da pc” afferma Schreiner. “Entro la fine dell’anno assisteremo al sorpasso nelle visite ai siti dei retailer da mobile e non è difficile da immaginare che guadagneranno anche una grossa percentuale di acquisti.”

Lo studio inoltre indaga su quanto siano efficaci le email promozionali e le conversioni da social nei differenti momenti della giornata. Le promozioni tramite email sono maggiormente efficaci alla mattina e alla sera, anche se le conversioni da social crescono durante la notte. Quest’ultimo dato è spiegabile probabilmente grazie agli acquisti impulsivi.

Il canale social è ancora attardato. Il retail vedrà il sorpasso delle visite da mobile prima della fine dell’anno. La ricerca a pagamento è una concreta minaccia per la ricerca organica che ad oggi continua a rappresentare il canale numero uno. Importante da notare è anche che, nonostante l’aumento delle visite da mobile, gli smartphone generano ancora solo una piccola parte dei ricavi del retailer medio.