Please turn on Javascript first.

News

Grazie ad Amazon, più retailer online ci bombarderanno di pubblicità

Grazie ad Amazon, un innumerevole numero di siti web di retailer ci bombarderanno di pubblicità. Ci sono un sacco di soldi da fare nelle pubblicità digitale, e i retailer online stanno cercando di entrare in azione.

La cosa più fruttuosa che i retailer online stanno vendendo in questo periodo non è un telefono pieghevole o un servizio di lusso: ma è pubblicità.

Può sembrare un po’ poco intuitivo, ma la maggior parte dei rivenditori ha in gran parte evitato di inserire annunci sui propri siti e App mobili per timore di infastidire i propri clienti o distoglierli dall’effettuare acquisti nei loro store fisici. Ora tutto ciò sta iniziando a cambiare. Ed il tutto grazie (o causa) di Amazon.

Un nuovo fiorente mercato

In pochi anni, Amazon è diventata la terza più grande piattaforma di annunci online negli Stati Uniti, dietro ai leader Google e Facebook.

Questo movimento di denaro ha motivato altri importanti venditori online, tra cui eBay, Walmart e Target, ad entrare nel gioco per cercare di afferrare un pezzo di questo nuovo mercato pubblicitario.

Bay Devin Wenig, CEO di eBay, ha dichiarato che il prodotto di maggior successo lanciato ultimamente sono i nuovi annunci che consentono ai venditori di pagare per un migliore posizionamenti su eBay.

I possibili scenari

Nel migliore scenario questi annunci forniranno agli acquirenti informazioni più utili per effettuare i loro acquisti e introdurli a nuovi prodotti di cui non erano a conoscenza prima.

Tuttavia, nel peggiore dei casi, le pagine web di vendita al dettaglio cominceranno a caricarsi sempre più lentamente a causa degli annunci, e i clienti si troveranno con risultati di ricerca di prodotti pieni di annunci sponsorizzati e banner pubblicitari.

Alcuni hanno sostenuto che ciò è già successo su Amazon. Le inserzioni sponsorizzate occupano infatti la parte superiore delle pagine e rendono complicato capire quali risultati sono sponsorizzati e quali organici.

Inoltre, i rivenditori dovranno fare attenzione a non condividere troppo i dati dei propri clienti, o potrebbero ottenere una brutta reputazione come quella di Facebook.

I vantaggi

Gli inserzionisti sono disposti a pagare molto per aumentare la visibilità dei loro prodotti in pagine coerenti con l’oggetto che vogliono vendere. Nonostante ciò gli annunci dovranno essere in sintonia con ciò che vogliono gli utenti per non rischiare di danneggiare la loro esperienza. A lungo termine infatti queste piattaforme potrebbero rischiare di allontanare quei clienti.

Per i negozi online, i vantaggi sono evidenti. La vendita al dettaglio è così competitiva che i prezzi rimangono bassi per attirare i clienti, ma i negozi finiscono per guadagnare poco su ogni vendita. La pubblicità, d’altra parte, è molto più redditizia.

Gli inserzionisti, nel frattempo, sono alla ricerca di nuove sedi in cui poter rendere visibili i loro annunci in modo che non debbano fare affidamento su Google e Facebook. I principali siti di vendita al dettaglio sono un’opzione valida, poiché portano tonnellate di visitatori che stanno già pensando di spendere soldi.

Inoltre, a differenza degli annunci pubblicitari radiofonici o televisivi, i rivenditori possono facilmente mostrare agli inserzionisti se i loro annunci aumentano le vendite. Tutti questi fattori porteranno senza dubbio un aumento degli annunci sui siti di vendita al dettaglio nel prossimo futuro.

Una storia d’amore nuova e di nuovo con la pubblicità

Questa non è la prima volta che i retailer hanno cercato di attingere al mercato pubblicitario. Walmart e Best Buy erano soliti pubblicare annunci sui televisori nei propri negozi e eBay ha iniziato a pubblicare annunci display sul proprio sito dopo aver acquistato Shopping.com.

eBay

Le pubblicità televisive non funzionavano bene, dal momento che a volte i magazzinieri non accendevano nemmeno i televisori. Gli annunci eBay attiravano i clienti dal suo sito, ma a volte, da siti concorrenti.

Ora eBay si sta liberando dagli annunci dei concorrenti. Mostra invece annunci di servizi che non vende, come ad esempio prodotti assicurativi. La società si sta anche impegnando ad investire maggiormente nelle inserzioni promosse, che dovrebbero aiutare eBay a generare circa 1 miliardo di dollari di entrate pubblicitarie all’anno in pochi anni.

Walmart

Stefanie Jay, vice presidente di Walmart Media Group, ha affermato che la sua società sta sviluppando la propria attività pubblicitaria interna per offrire annunci display, annunci di ricerca sponsorizzati e annunci video sul proprio servizio video Vudu.

All’inizio di questo mese, ha accettato di acquistare la società di tecnologia pubblicitaria Polymorph per continuare questo lavoro. L’obiettivo del 2016 è stato l’avvio di Target Media Network per aumentare le entrate pubblicitarie.

Sulla scia di Amazon

Seguendo la scia di Amazon, tutte queste aziende stanno cercando di trovare modi per far crescere il loro ruolo nel mercato pubblicitario digitale. Amazon ora occupa l’8,8% del mercato pubblicitario digitale di 129 miliardi di dollari negli Stati Uniti, rendendolo la terza più grande piattaforma pubblicitaria dopo Google (37,2%) e Facebook (22,1%), secondo eMarketer.

Se non sei così elettrizzato nel vedere più annunci, potresti essere meno entusiasta di sapere che questa tendenza è prevista in aumento. Ci si aspetta che altri siti internet molto popolari, compresi i siti di consegna a domicilio di cibo come GrubHub e servizi di guida come Uber, si uniscano alla folla.

Anche i negozi fisici ne siamo certi proveranno a saltare a bordo del carro, approfittando del loro enorme traffico di visitatori.

Iscriviti alla newsletter

Presa visione dell’informativa Privacy Newsletter. Barrando la casella di seguito autorizzo Tekio Srl al trattamento dei dati di contatto (informazioni relative al nome, cognome e indirizzo email) per finalità di marketing tramite comunicazioni informative, promozionali, di prodotto, nonché newsletter in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate.Il consenso è obbligatorio per l’erogazione del servizio: posso in ogni momento revocare la mia dichiarazione di consenso inviando una mail all’indirizzo privacy@tekio.it

Categoria
Articoli Recenti
Richiedi informazioni

Presa visione dell’informativa Privacy. Barrando la casella di seguito autorizzo Tekio Srl al trattamento dei dati di contatto (informazioni relative al nome, cognome e indirizzo email) per le sole finalità relative ai prodotti di vostro interesse.Il consenso è obbligatorio per l’erogazione del servizio: posso in ogni momento revocare la mia dichiarazione di consenso inviando una mail all’indirizzo privacy@tekio.it
Presa visione dell’informativa Privacy newsletter. Barrando la casella corrispondente di seguito autorizzo Tekio Srl al trattamento dei dati di contatto (informazioni relative al nome, cognome e indirizzo email) per finalità di marketing tramite comunicazioni informative, promozionali, di prodotto, nonché newsletter in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate.Il consenso è facoltativo: posso in ogni momento revocare la mia dichiarazione di consenso inviando una mail all’indirizzo privacy@tekio.it

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere aggiornamenti periodici su soluzioni, servizi e novità dal mondo Tekio.


Presa visione dell’informativa Privacy Newsletter. Barrando la casella di seguito autorizzo Tekio Srl al trattamento dei dati di contatto (informazioni relative al nome, cognome e indirizzo email) per finalità di marketing tramite comunicazioni informative, promozionali, di prodotto, nonché newsletter in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate.Il consenso è obbligatorio per l’erogazione del servizio: posso in ogni momento revocare la mia dichiarazione di consenso inviando una mail all’indirizzo privacy@tekio.it