Please turn on Javascript first.

News

9 tendenze per il mercato retail nel 2021

Il 2021 si spera possa essere l’anno il cui il mondo tornerà a qualcosa di simile alla normalità. Ma quali saranno le principali tendenze per il mercato retail nel 2021?

Il mondo come lo abbiamo conosciuto fino ad adesso potrebbe in realtà non tornare più.

Per questo motivo i retailer devono sforzarsi di prevedere come sarà il retail post-covid.

Per aiutarli abbiamo elencato 9 tendenze che potrebbero caratterizzare questo settore nel 2021.

9 tendenze per il mercato retail nel 2021:

1) Ci saranno più fallimenti in tutti i settori.

Molte aziende sfrutteranno le difficoltà affrontate durante la pandemia come un’opportunità per riorganizzare la propria attività.

Probabilmente le aziende avranno più flessibilità da parte dei tribunali durante le procedure di fallimento, offrendo loro la libertà di ristrutturare la loro azienda e uscire da situazioni che altrimenti li condurrebbero alla chiusura.

Con i consumatori che si stanno abituando a fare acquisti online, le liquidazioni saranno prevalenti per tutto il prossimo anno.

2) L’abbigliamento e le calzature prima ancora di quanto pensiamo torneranno a livelli pre-crisi.

Quello che però non tornerà come prima sarà il modo in cui le persone preferiscono acquistare.

I consumatori non sono ansiosi di rinunciare alla comodità del proprio divano  e alla sicurezza dello shopping online per tornare ad affollare i negozi.

In un recente sondaggio, abbiamo scoperto che molti dirigenti senior del settore non comprendono questa realtà.

Solo il 16% dei dirigenti senior attivi in aziende della vendita al dettaglio intervistati ritiene che i consumatori acquistino abbigliamento online solo durante le festività natalizie, rispetto al 31% dei consumatori che dichiara di volerlo fare.

Nella categoria delle calzature, solo l’11% dei dirigenti ritiene che i consumatori acquisteranno solo calzature online, rispetto al doppio dei consumatori (25%) che lo ha fatto o che lo farà.

3) Preparati per molte altre startup, marchi e modelli di produzione innovativi.

Le nicchie di mercato lasciate libere da rivenditori e marchi falliti lasceranno il posto a nuove startup innovative guidate da giovani imprenditori Millennial e Gen Z.

Il 90% di questi fallirà, il 10% sarà un enorme successo. Questi numeri rappresentano la normale sopravvivenza del più adatto.

Un esempio è il modello Consumer-to-Manufacturer (C2M), che sta guadagnando terreno.

Con questo nuovo modello rivoluzionario, ad esempio, un produttore in Cina che ha una capacità significativa offrirebbe un gran numero di progetti direttamente ai produttori che possono produrre presso la propria struttura.

Una volta ordinato, l’articolo viene rapidamente realizzato su ordinazione e spedito per arrivare in un paio di settimane.

Le strutture di produzione si stanno orientando per produrre articoli dopo che l’ordine è stato ricevuto, non prima, passando da Design-Make-Sell a Design-Sell-Make.

I consumatori sono disposti ad aspettare perché il prezzo è allettante e ottengono esattamente ciò che vogliono, e i produttori sono felici di rendere le loro strutture più redditizie.

Esempi di questo approccio esistono già e prosperano.

Questo approccio sarà sicuramente più diffuso, in particolare perché molti rivenditori non acquistano più all’ingrosso dai produttori attraverso i grossisti.

Ciò segnerà anche la morte di marchi di fascia media mentre il mercato si sposterà ancora di più verso il lusso o la fascia bassa.

4) Altre fusioni e acquisizioni.

Le grandi aziende continueranno ad acquisire piccoli rivenditori e marchi.

I grandi gruppi cercheranno di rilevare marchi in difficoltà a buon mercato. Gli asset verranno acquistati e i marchi adattati alle nuove esigenze del gruppo.

5) Il comportamento dei consumatori / dipendenti non tornerà mai più come prima.

Il consumatore non perderà interesse per gli acquisti online e, anzi, probabilmente manterrà gli attuali livelli di acquisto online.

Sicuramente il consumatore tornerà in un negozio per avere l’esperienza “fisica”, ma ciò si verificherà meno frequentemente di quanto i rivenditori si aspettino. Il collegamento (e la chiave) tra i due canali (online e in negozio) è la base di strategie omnicanale come BOPIS e Curbside.

I dipendenti probabilmente non perderanno mai l’interesse a lavorare da remoto e probabilmente manterranno quel desiderio in futuro.

Come i consumatori, cercheranno “l’esperienza” di vestirsi e andare in un ufficio occasionalmente, ma il lavoro da remoto sarà sempre più frequente.

6) La Seconda Grande Migrazione.

I millennial saranno segnati dalla pandemia. La crisi sanitaria per loro è arrivata dopo essere stati tra i più colpiti dalla crisi finanziaria del 2008.

I Millennial si prevede che ricominceranno a popolare le periferie a un ritmo ancora più veloce di quanto la maggior parte delle persone si aspetto.

In questo modo potranno avere a disposizione spazi maggiori a prezzi inferiori.

7) Micromarketing e produzione.

I Millennial e la Gen Z vogliono personificare le loro vite e stanno creando nuovi prodotti o si stanno procurando prodotti da luoghi e fonti diverse trovando modi per monetizzare la loro attività attraverso i social media.

Molti giovani stanno cercando di fare questo tipo di micromarketing a causa dell’alto tasso di disoccupazione e dei bassi livelli salariali.

8) Il riciclo diventerà un grande affare.

Secondo un articolo di Waste360, negli Stati Uniti, oltre il 95% dei pacchi spediti ai 200 milioni di persone che hanno acquistato online vengono inviati in contenitori di cartone, e questo dovrebbe aumentare nei prossimi anni, poiché le vendite online continueranno a crescere.

Solo tra gennaio e novembre di quest’anno, i consumatori americani hanno speso circa 547 miliardi di dollari online, un aumento di circa il 33% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Il riciclo diventerà un enorme business.

9) Meno negozi, ma non meno lavoro.

Meno negozi non significa necessariamente meno posti di lavoro.

Le aziende impegnate nella logistica sono già al limite del personale e avranno necessariamente bisogno di fare nuove assunzioni.

Mentre gli acquisti online continuano a crescere, la carenza di autisti che si occupano della consegna e di addetti al confezionamento a alla gestione del magazzino è in aumento.

A partire da luglio, Amazon ha assunto circa 350.000 dipendenti, ovvero 2.800 al giorno.

La maggior parte sono stati magazzinieri. A settembre, il Chicago Tribune ha riferito che United Parcel Service prevede di assumere più di 100.000 lavoratori extra per aiutare a gestire un aumento dei pacchi durante le festività natalizie. Questa esigenza di assunzione continuerà anche nel prossimo futuro.

Il 2020 è stato l’anno del caos di massa, ma ricorda, con il caos arrivano le opportunità.

Chiaramente, il 2021 rappresenterà una grande opportunità per chi abbraccia il cambiamento e guarda avanti per anticiparlo.

E queste 9 tendenze per il mercato retail nel 2021 ti aiuteranno ad avere successo.

 

Questo articolo è tratto da Forbes

Iscriviti alla newsletter

Presa visione dell’informativa Privacy Newsletter. Barrando la casella di seguito autorizzo Tekio Srl al trattamento dei dati di contatto (informazioni relative al nome, cognome e indirizzo email) per finalità di marketing tramite comunicazioni informative, promozionali, di prodotto, nonché newsletter in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate.Il consenso è obbligatorio per l’erogazione del servizio: posso in ogni momento revocare la mia dichiarazione di consenso inviando una mail all’indirizzo privacy@tekio.it

Categoria
Articoli Recenti
Richiedi informazioni

Presa visione dell’informativa Privacy. Barrando la casella di seguito autorizzo Tekio Srl al trattamento dei dati di contatto (informazioni relative al nome, cognome e indirizzo email) per le sole finalità relative ai prodotti di vostro interesse.Il consenso è obbligatorio per l’erogazione del servizio: posso in ogni momento revocare la mia dichiarazione di consenso inviando una mail all’indirizzo privacy@tekio.it
Presa visione dell’informativa Privacy newsletter. Barrando la casella corrispondente di seguito autorizzo Tekio Srl al trattamento dei dati di contatto (informazioni relative al nome, cognome e indirizzo email) per finalità di marketing tramite comunicazioni informative, promozionali, di prodotto, nonché newsletter in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate.Il consenso è facoltativo: posso in ogni momento revocare la mia dichiarazione di consenso inviando una mail all’indirizzo privacy@tekio.it

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere aggiornamenti periodici su soluzioni, servizi e novità dal mondo Tekio.


Presa visione dell’informativa Privacy Newsletter. Barrando la casella di seguito autorizzo Tekio Srl al trattamento dei dati di contatto (informazioni relative al nome, cognome e indirizzo email) per finalità di marketing tramite comunicazioni informative, promozionali, di prodotto, nonché newsletter in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate.Il consenso è obbligatorio per l’erogazione del servizio: posso in ogni momento revocare la mia dichiarazione di consenso inviando una mail all’indirizzo privacy@tekio.it