Please turn on Javascript first.

News

5 strategie per combattere l’apocalisse del retail

Il Retail non è morto; sta attraversando una fase di trasformazione. Oggi vi vogliamo presentare 5 strategie per combattere l’apocalisse del retail.

La minaccia che i retailer stanno fronteggiando è reale: nonostante la ripresa economica le chiusure dei negozi si sono assestate ai livelli della grande crisi del 2008.

I dati rilasciati da Fung Global Retail & Technology mostrano la chiusura di 6.121 store negli stati uniti soltanto nel 2017. Registrando un +203% rispetto all’anno precedente. Nel 2008 le chiusure furono 6000.

Allo stesso tempo però le aperture di nuovi store sono state 3.470 registrando un +54% rispetto al 2016. I più allarmisti hanno descritto questo periodo come l’apocalisse del retail, ma questi numeri ci fanno pensare ad una realtà più complessa e non necessariamente catastrofica per la vendita al dettaglio.

In realtà i retailer hanno oggi molte più possibilità per coinvolgere i consumatori sia online sia in negozio.

Secondo uno studio condotto su un campione di 46.000 consumatori condurre una ricerca online sul sito o sui siti di altri rivenditori al dettaglio porta ad una spesa in negozio del 13% maggiore tra gli acquirenti omnicanale.

Questo è il terreno dove si possono fondere i dati, la tecnologia, i contenuti ed i media per incrementare il traffico in store.

Massimizzare la copertura cross-device

 

Portare clienti online nei negozi fisici dipende dalla tua abilità nel conoscere chi essi siano ed essere in grado di raggiungerli con le tue comunicazioni. Questa può risultare una sfida per molti retailer visto che oggi in media i consumatori possiedono più di tre device a persona. Al fine di massimizzare la copertura tra dispositivi diversi, abbina i dispositivi a persone reali, non a cookie o famiglie.

Inizia facendo in modo che i profili anonimi dei consumatori siano persistenti e stabili, il che è fondamentale per conoscere i tuoi consumatori nel tempo. I dispositivi possono quindi essere abbinati ai profili appropriati in modo da essere in grado di inviare messaggi sicuri ai consumatori sul dispositivo giusto quando sarà il momento.

Rendi il contenuto rilevante

 

Non è sufficiente raggiungere i consumatori con un messaggio sul giusto device. Il contenuto deve essere rilevante per ogni individuo che lo riceve.

Gli studi continuano a mostrare come i consumatori vogliano pubblicità in linea con i loro interessi; uno studio del 2017 condotto da Epsilon ha scoperto che l’80% del campione afferma che sia più probabile che faccia un acquisto quando il brand offre esperienze personalizzate.

Ad esempio i retailer possono raggiungere i clienti fidelizzati con messaggi pubblicitari online più personalizzati. Dal momento che questi sono clienti conosciuti, creare offerte personalizzate è più semplice e l’approccio può risultare in un ritorno sull’investimento decisamente più alto.

Quando capisci le abitudini di shopping dei consumatori e dove è più probabile che entrino in contatto con il tuo brand, puoi creare una relazione significativa che si estenda aldilà del singolo device o del canale e creare visite in store più rilevanti.

Creare esperienze senza soluzione di continuità

 

I momenti di marketing avvengono ovunque e in qualsiasi momento, quindi è importante premiare la fedeltà dei consumatori e il coinvolgimento tra dispositivi trasformando le interazioni in esperienze. Un modo per realizzare tutto ciò è attraverso la realtà aumentata, la quale permette al brand di creare un’unica esperienza in store e portare all’interno di questa il fattore “wow”.

Allo stesso tempo, gli eventi riservati ai membri VIP forniscono la personalizzazione che i consumatori ricercano.

Il consiglio è quello di imparare da questi eventi per trovare il giusto partner che possa aiutarti ad utilizzare le analisi per prendere decisioni più intelligenti nel tempo e a prevedere il comportamento dei consumatori nel futuro.

Premia i consumatori per la loro fedeltà

 

Una volta che i consumatori sono in negozio, le funzionalità di geolocalizzazione possono essere sfruttate per incoraggiare i clienti fidelizzati ad acquistare ricordando loro i premi che possono riscattare o presentandogli un’offerta in tempo reale tramite notifiche push mobili. Ma non focalizzarti soltanto sugli acquisti. Usa le funzionalità di gamification all’interno dei programmi fedeltà per migliorare le strategie di fidelizzazione. Premia i consumatori con badge quando manifestano il comportamento desiderato (es. visite al negozio, condivisione social, ecc.) E crea una dinamica competitiva evidenziando le prestazioni dei membri su classifiche.

Vai aldilà degli attuali membri del programma fedeltà. I dati possono migliorare la tua strategia per rendere un nuovo cliente un cliente fidelizzato. Quando sai chi sono i tuoi migliori consumatori, puoi offrire loro esperienze più pertinenti.

Sii tempestivo

 

Hai l’abilità di inviare messaggi ai tuoi clienti in tempo reale, nei momenti nei quali sono più ricettivi? Se la risposta è negativa, è arrivato il momento per risolvere questa tua mancanza.

Approfitta degli inneschi in tempo reale che gli acquirenti forniscono online per inviare le tue comunicazioni. Se un cliente effettua un acquisto online, mostragli un’offerta di un oggetto complementare a quello acquistato da ricevere la prossima volta che si reca in store. Fornire ai membri fidelizzati un incentivo per tornare al tuo negozio dovrebbe essere una priorità quando e dove possibile. Considera offerte come il 25% di sconto sul prossimo acquisto in negozio o un regalo gratuito con il prossimo acquisto per incoraggiare le visite ripetute.

L’uso di profili persistenti e una piattaforma tecnologica agile ti consentiranno di inviare messaggi in tempo reale che muovono i consumatori ad agire e portare ai risultati corrispondenti.

I retailer non possono controllare i continui cambiamenti nei comportamenti d’acquisto dei consumatori e non dovrebbero provare a farlo.

Loro possono però determinare strategicamente quando, dove e come interagire con i propri clienti. Per questo è importante trovare i giusti partner: quelli che possono aiutarti a fornire soluzioni che ti supportano durante l’intero ciclo di vita del consumatore. Quando ti concentri sull’individuo, lo identifichi, mantieni e accresci il rendimento dei tuoi migliori consumatori attraverso relazioni a lungo termine, interattive e a valore aggiunto, non puoi sbagliare. Sarai anche in grado di affrontare “l’apocalisse del retail” a testa alta.